VideogiochiNews

SEGA smentisce le voci di un’acquisizione da parte di Microsoft

In una recente dichiarazione, il dirigente Shunji Utsumi, Chief Operating Officer (COO) di SEGA – la casa giapponese che ha dato i nataliSonic e ad altri importanti franchise – ha smentito dei rumor che la vorrebbero come la prossima new entry nella lista degli studi interni di Microsoft.

In un mercato videoludico in continua crescita e movimento tra acquisizioni e crisi, vedasi il recentemente confermato approdo di Activision-Blizzard, quello di SEGA era il nome più in voga come prossima acquisizione del colosso di Redmond.

Tuttavia, attraverso la dichiarazione citata, Shunji Utsumi ha smentito categoricamente ogni voce riguardante circa una possibile cessione della compagnia giapponese in favore di Microsoft.

Sonic SegaMolte aziende sono interessate a noi, e ci sentiamo onorati”, ha dichiarato Shunji Utsumi in un’intervista condotta dalla CNBC. “Abbiamo delle IP che attraggono, che sono potenti, e un grande proprietario. Non credo che questo tipo di transazione possa verificarsi.”

Le dichiarazioni di Shunji Utsumi, sembrano chiudere al momento ogni porta per un eventuale acquisizione della software house nipponica da parte di Microsoft. Tuttavia, per vedere se effettivamente le sue parole rispecchieranno la realtà anche nel prossimo futuro, lo scopriremo soltanto a fronte di nuovi scenari del mercato.

Nel frattempo, un nuovo titolo dedicato a Sonic è in arrivo a dicembre su Apple Arcade.

Fonte:
Alessio Cascioli
Classe '95, laureato in Storia con una passione innata per i videogiochi e tutto ciò che risulta nerd. Una volta mosso i primi passi con GDR puri, ha conosciuto altri ambienti che lo hanno portato a giocare a qualsiasi tipo di videogames, da quelli più scontati a quelli elaborati, ma non i souls (in quel campo sono, ahimè, incompetente). Dal 2016 ha scoperto di essere un grande amante della scrittura.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe interessarti anche