fbpx
VideogiochiNews

James Wan, Sam Raimi e Roy Lee a lavoro su diversi adattamenti, tra cui The Call of Cthulhu

Il fondo Star Collective in collaborazione con Hana Investments e Starlight Media, ha annunciato che i progetti cinematografici di James Wan, Sam Raimi e Roy Lee diverranno videogiochi, tra cui The Call of Cthulhu.

La notizia è stata comunicata in un evento di lancio a Los Angeles avvenuto il mese scorso, benché fosse già nota da ottobre la loro intenzione di canalizzare certi brand investendo verticalmente nel mercato dei videogiochi, fumetti e oggettistica da collezione.

Le tre società hanno rivelato qualche dettaglio del piano di investimento, della durata di tre anni, che prevede l’idea di investire sull’IP cinematografica di Star Collective. I titoli annunciati sono piuttosto vari ma il motivo di fondo rimane l’horror con Every House is Haunted di Sam Raimi/Roy Lee e The Burden di James Wan/Sam Raimi.

E James Wan sembra proprio uno dei nomi di punta visto che vedrà adattati anche titoli come The Call of Cthulhu  (dal racconto di Howard Phillips Lovecraft), GMO e Mass Extinction.

The Goxfather con John M. Chu e Memory Lost in Space, tratto dai romanzi di Thong Hua, sono gli ultimi due nomi annunciati, ma è più che probabile che Star Collective voglia puntare su molti altri progetti.

LEGGI ANCHE  Zelda, arriva un capitolo con protagonista la principessa?

Quello più vicino alla data di uscita sarà appunto il nuovo Garfield di cui Star Collective possiede i diritti per i prossimi 25 anni in Cina.

James Wan ha parlato di The Call of Cthulhu come un progetto ambizioso che avrebbe in cantiere da ben cinque anni e che tratta di un detective facente parte di un’indagine su un misterioso culto chiamato Cthulhu. GMO invece è un thriller fantascientifico ambientato nel futuro, dove un farmaco miracoloso ma dagli strani effetti collaterali che accelerano il processo di invecchiamento, risolve una carestia. In Mass Extinction invece avremo a che fare con un virus alieno che ha decimato gli abitanti della terra, e con una squadra speciale spedita sulla luna per trovare una cura.

Il processo logico dietro tale progetto d’investimento è quindi far partire queste idee come videogiochi e solo dopo farli diventare dei film. Le dichiarazioni di Peter Luo, CEO di Starlight, sono piuttosto propositive sulle possibilità che questo genere di operazione riuscirebbe a fornire proprio come quelle dei co-CEO William Li e Nancy XU. Non ci resta che aspettare nuovi sviluppi e vedere come saranno questi titoli nell’effettivo.

Alessandro Caredda
Accanito giocatore di Magic: The Gatering, ha sempre coltivato la sua passione per i videogiochi, per le graphic novels, manga e gadget di ogni tipo. Ama l'horror, tanto da basare la sua carriera da scrittore su quel genere, e spendere per oggetti da collezionismo. Si ritiene piuttosto certo che queste sue passioni lo condurranno sul lastrico.

    Comments are closed.

    0 %