fbpx
VideogiochiGuide

Days Gone – Guida su come ottenere carburante per la moto e non rimanere a secco

Bend Studio

In Days Gone avete a disposizione una moto che, ovviamente, ha bisogno del carburante per poter viaggiare. In questa guida vediamo dove si può trovare.

Se vi interessano altre guide di Days Gone, eccole:

[catlist = taxonomies_and=”giochi:{days-gone};category:{guide}” excludeposts=”this” title_limit=”18″ numberposts=-1]

Per ottenerlo ci sono due possibilità:

  • dalle stazioni di servizio, che sono contrassegnate sulla mappa;
  • dalle taniche di carburante.

Days Gone

Stazioni di servizio: sono poche ma hanno carburante infinito. Sulla mappa sono contrassegnate con l’icona che rappresenta il distributore di carburante. Il più utile è all’Oleary Mountain Safehouse, Boozer’s Tower, cioè si tratta del vostro primo nascondiglio. All’interno della zona di sicurezza è possibile guidare fino ad alcuni barili di carburante.

Taniche di carburante: si trovano in molti luoghi, ad esempio per strada, sui veicoli, negli edifici e sempre presso i Nero Checkpoint che ne ha due. Questi check saranno sempre automaticamente visualizzati sul vostro HUD quando sarete a corto di combustibile. Quando l’indicatore di livello del carburante diventa arancione, si trova all’angolo in basso a destra dello schermo accanto alla minimappa, fate attenzione a non farlo esaurire completamente. Prendete la tanica, avvicinatela alla moto e premete cerchio per riempire il serbatoio.
Le taniche si rigenerano sempre nelle stesse posizioni. Quando viaggerete in fretta si riformeranno e dopo poco saranno nuovamente visibili e ce n’è sempre una a portata di mano. Non affannatevi a cercarle se non vi servono perché finché avrete il pieno non saranno visualizzabili.

LEGGI ANCHE  Enotria: The Last Song, il "souls" italiano tutto anima, corpo... e maschere

Questo è tutto quello che c’è da sapere per ottenere il carburante, speriamo di esservi stati utili. Se cercate maggiori informazioni sul gioco noi vi rimando alla nostra recensione dedicata.

Patrizio Coccia
Patrizio non era ancora nato quando entrarono in casa la Super Nintendo e Super Mario Bros. Pochissimi anni dopo, insieme a lui, arrivò anche la Play Station, e fu tutta un'altra storia. Aveva 4 anni quando a malapena riusciva a tenere il controller tra le mani, ma non mollò più la presa, imparando a giocare a tutti i generi. Appassionato di musica rap, film fantasy, e con un passato da writer, predilige indiscutibilmente i giochi di ruolo, fortemente affezionato alla serie di Kingdom Hearts di cui conserva l'intera collezione, spin-off inclusi.

    Comments are closed.

    0 %