fbpx
VideogiochiNews

PlayStation: dipendenti denunciano per discriminazioni di genere

Un ex-dipendente di PlayStation ha denunciato nuovamente Sony, è la seconda volta che prova a portare in tribunale l’azienda per quello che la causa descrive come:”discriminazione e abusi in base al genere“. Questo secondo tentativo arriva dopo che un’azione legale simile è stata rigettata il mese scorso.

L’analista dei sistemi di business di PlayStation, Emma Mojo, ha lavorato per l’azienda per cinque anni, e ha voluto denunciare il fatto di aver lavorato in un ambiente di “sessismo sistemico” nell’azienda, la quale offriva pagamenti inferiori alle impiegate, comparate a quelli ricevuti dai colleghi uomini, nello stesso identico ruolo. Senza contare che i piani alti non permettevano alle donne di ottenere promozioni. Dalle accuse della donna, sembra che le discriminazioni dentro Sony PlayStation riguardavano solo donne o coloro che si sentivano tali.

sony-playstation-discriminazioniEmma Mojo stessa ha affermato di aver perso il suo posto di lavoro per aver sottolineato queste ingiustizie, ecco la sua dichiarazione completa:

Sony tollera e coltiva un ambiente di lavoro che discrimina le impiegate donne, inclusi coloro che si identificano come tali. A causa di questo pattern sistemico e pratiche di discriminazione di genere il Plaintiff e i membri della causa proposti hanno sofferto di abusi e violenze incluse la perdita di compensazioni, paghe arretrate, benefici negati e sofferenza emotiva.

Nonostante alcune delle accuse mosse dall’ex-dipendente di sono le stesse della causa scorsa, l’obiettivo della donna sembra essere decisamente limitato. Invece di cercare l’ottenimento di danni nei confronti di tutti i dipendenti PlayStation degli Stati Uniti coinvolti, si limita a quelli che hanno lavorato in California, dal ruolo inferiore al vice presidente in poi. Questa mossa, probabilmente, è stata eseguita per evitare che la causa fosse rigettata di nuovo, come già capitato in precedenza.

LEGGI ANCHE  Slitterhead si mostra al Summer Game Fest, ecco quando uscirà

Dopo la mossa di Mojo, altre otto dipendenti di PlayStation hanno deciso di fare un passo in avanti e hanno supportato queste accuse.

Quando lavorato a Sony Online Entertainment, ho ricevuto una mail da un ingegnere che mi ha spiegato il mio non dover indossare una gonna a lavoro perché lo distraeva. Gli uomini facevano delle classifiche delle loro colleghe donne in base al livello di bellezza. C’erano degli scambi di email con liste e scherzi spinti, insieme a immagini di donne. 4chan è stato usato durante la giornata di lavoro per condividere altre immagini offensive delle donne.

Kotaku, che ha riportato questa notizia, ha anche richiesto dei commenti a Sony PlayStation, ma al momento c’è silenzio.

Angela Pignatiello
Classe '97. Nata e cresciuta con la Metal Gear Solid saga, amo giocare a quasi tutto ciò che mi capita sotto mano. Analizzo tutto ciò che avviene all'interno del mercato videoludico e il suo core: i videogiochi.

Comments are closed.

0 %