fbpx
VideogiochiNews

Operencia: The Stolen Sun, Zen Studios annuncia la sua opera più ambiziosa

Solo poche ore fa Zen Studios ha rivelato al pubblico la sua più ambiziosa opera di sempre con Operencia: The Stolen Sun, un dungeon crawler in prima persona a sfondo folkloristico che fonda le sue storie e i suoi personaggi sulle leggende del paesaggio centro-europeo. Alcune di queste non si sono mai affacciate prima d’ora sul panorama videoludico, e Operencia: The Stolen Sun si pone quindi anche come narratore e pioniere. Tutti questi racconti, tramandati negli anni nei territori citati, entreranno quindi a far parte di un unico grande universo, con la profondità che solamente la storia riesce a raggiungere.

Molti dei personaggi e i luoghi che saranno presenti infatti, sono realmente esistiti, fino ad Attila e sua moglie. La missione che ci vedrà protagonisti, sarà la ricerca di Napkirály, il Re Sole rapito, con lo scopo di “salvare Operencia da una notte senza fine”, piena di rompicapo, mostri e trappole. Il gioco ci metterà di fronte a battaglie che risultino intuitive e decisamente familiari ai giocatori di RPG, con un sistema di movimento basato sulle tessere e combattimenti strategici a turni, il tutto impreziosito dallo sviluppo avvenuto con Unreal Engine 4.

LEGGI ANCHE  Hi-Fi Rush: recensioni positive di massa in segno di protesta

Operencia: The Stolen Sun

Di seguito le dichiarazioni di Mel Kirk, Vicepresidente del Publishing:

Operencia: The Stolen Sun è nato per pura passione e porta alla vita storie misteriose che non sono state raccontate in un’ambientazione come questa. Il mercato è pronto per Zen per offrire un’esperienza straordinaria e memorabile.

Il titolo arriverà nel corso del 2019 per PC tramite Steam, ma in futuro verrà annunciato anche per altre piattaforme. Per ulteriori informazioni vi consigliamo di recarvi sul sito ufficiale del gioco.

Simone Lelli
Amante dei videogiochi, non si fa però sfuggire cinema e serie tv, fumetti e tutto ciò che riguarda la cultura pop e nerd. Collezionista con seri problemi di spazio, videogioca da quando ha memoria, anche se ha capito di amarli su quell'isola di Shadow Moses.

Comments are closed.

0 %