fbpx
VideogiochiNews

Horizon Forbidden West finito in meno di 4 ore, speedrun record italiana

Guerrilla Games non ha dubbi, per terminare Horizon Forbidden West, perlomeno la main quest, servono 30 ore di gioco: Dominic, videogiocatore italiano e ha terminato la storia principale in poco più di tre ore con una speedrun da fantascienza.

Horizon Forbidden West, infatti, è uscito solo tre giorni fa: il videogiocatore italiano, con una speedrun da record, è riuscito a completarlo con il tempo di 3h29’35”. Un’impresa che non è passata inosservata e che ha destato più di qualche sospetto.

Lo speedrunner, però, ha fugato ogni dubbio registrando la sua straordinaria impresa e caricandola su YouTube. Il video che trovate in calce all’articolo parla da solo, non serve aggiungere altro. Quella di Dominic è un’impresa decisamente fuori dall’ordinario.

Per realizzare tempi del genere, di solito, il titolo va giocato in lungo e in largo, va studiato, vanno architettate strategie per rosicchiare secondi su secondi e fermare il cronometro sul minor tempo possibile. Di conseguenza, per realizzare un tempo di questo calibro occorrerebbe conoscere l’opera come le proprie tasche.Horizon Forbidden West speedrun

LEGGI ANCHE  Hi-Fi Rush: recensioni positive di massa in segno di protesta

 

 

Per tutti funzionerebbe così, ma non per Dominic: il videogiocatore italiano ha, infatti, realizzato la sua speedrun un giorno dopo il day one. Il nostro speedrunner, però, non è nuovo a imprese del genere. Solo qualche settimana fa, infatti, ha terminato Dying Light 2 in sole cinque ore di gioco.

Intanto, non sono ore semplici per Guerrilla Games. La loro ultima fatica, come spesso accade, è rimasta vittima di review bombing sui principali aggregatori di recensioni, Metacritic su tutti. Il titolo ha, al momento, un punteggio di 8, ma nelle scorse ore una sfilza di 0 hanno invaso la sezione dedicata alle recensioni scritte dagli utenti.

E voi? Avete già messo le mani su Horizon Forbidden West? Nel caso in cui stiate riflettendo sull’acquisto, vi lasciamo con la nostra recensione.

Fonte:
Raffaele Palmieri
Videogiocatore dalla nascita: al posto del biberon, stringevo tra le mie manine un controller del NES. Nintendaro per scelta, tradisco il mio grande amore costantemente con Sony e Microsoft.

Comments are closed.

0 %