fbpx
VideogiochiNews

Dark Souls 3: il design e la difficoltà

Durante un evento stampa, Hidetaka Miyazaki, il creatore della serie, ha rivelato delle informazioni riguardanti Dark Souls 3, in particolar modo del design: “tutto il design di Dark Souls 3 è basato sulle mie preferenze personali. Dark Souls 2 è stato naturalmente realizzato e supervisionato da altre persone di From Software, che hanno comunque assecondato le mie preferenze. In termini di design del mondo di gioco e degli altri elementi, ho preferito tornare un po’ alle strutture del primo gioco e Bloodborne, con un mondo più connesso”.

Dark Souls III (3)

Inoltre, lo sviluppatore ha anche parlato della difficoltà del titolo e della serie in generale, affermando che “ci sono stati diversi momenti in cui ci siamo dovuti fermate e tornare sui nostri passi per quanto riguarda la difficoltà. Ma non siamo arrivati necessariamente al punto di dire ‘oh, è troppo difficile’, piuttosto il termine che abbiamo utilizzato è stato ‘irragionevole’. Questo è il termine che abbiamo deciso di utilizzare con il team di sviluppo. Se ci pensate, la difficoltà del franchise di Dark Souls è sempre stato un qualcosa che i giocatori sono riusciti a superare, alla fine. Quindi quando ci riuniamo con il team di sviluppo la parola che usiamo è irragionevole – proprio perché non vogliamo andare troppo oltre. Si tratta di trovare il giusto equilibrio”.

Tale equilibrio è stato cercato anche per quanto riguarda le classi dei personaggi, per fare in modo che la scelta iniziale non influenzi la buona riuscita dell’avventura, infatti: “abbiamo cercato di non far influire troppo la scelta iniziale della classe sulle armi che potranno poi essere utilizzate nel gioco. Tuttavia, abbiamo anche provato ad assicurarci che la classe ed il personaggio che viene scelto all’inizio abbia comunque un impatto importante sul gameplay, quindi sono queste le cose che abbamo provato a bilanciare, e il nuovo sistema di skill si integra alla perfezione”.

Ricordiamo che Dark Souls 3 uscirà il 12 aprile per PlayStation 4, Xbox One e PC.

LEGGI ANCHE  Hellblade 2, dati alla mano, non ha proprio convinto il pubblico

Quali sono i vostri pareri in proposito alle parole di Miyazaki?

 

Anjie "Aeris" Di Giulio
A cinque anni entrò nella sua vecchia Nintendo e da allora è rimasta intrappolata nel mondo virtuale passando da una console all'altra fino ad arrendersi all'evidenza: è impossibile, per lei, uscire dal mondo dei videogiochi. Fronteggiando i suoi eroi in spietate battaglie e in fantastiche avventure, Aeris ha deciso di sviluppare la skill "Character Design", studiando presso la Scuola Internazionale di Comics, talvolta divertendosi anche ad interpretare i suoi personaggi preferiti creandone i costumi con la Waynefactory. Reclutata nella gilda di Game Legends, si diverte ad informare gli appassionati come lei scrivendo e condividendo news.

    Comments are closed.

    0 %