fbpx
NewsCinema e TV

Dahmer: i parenti delle vittime criticano la serie

Dahmer – Monster: The Jeffrey Dahmer Story

Continuano le critiche nei confronti della nota serie Dahmer – Monster: The Jeffrey Dahmer Story di Netflix. Un altro parente di una delle vittime di Jeffrey Dahmer, ha condannato la serie per aver usato nome ed eventi reali senza prima aver consultato le persone coinvolte direttamente nella vicenda.Dahmer – Monster: The Jeffrey Dahmer Story

Questa controversa serie è stata una delle più viste da quando è apparsa per la prima volta il 21 settembre sulla piattaforma di streaming. Le critiche però non provengono soltanto dai parenti delle vittime del serial killer, ma anche dalla comunità LGBTQ, perché inizialmente inserita in codesta categoria, associazione ritenuta di cattivo gusto (il tag è stato poi tolto).

In linea di massima molti familiari delle 17 vittime di Dahmer, si sono lamentati di come lo spettacolo fosse stato creato per fare “soldi” speculando su una delle tragedie più profonde degli ultimi anni. In particolar modo, Shirley Hughes, ha dichiarato di non capire come Netflix possa fare una cosa del genere senza consultare i diretti interessati.

LEGGI ANCHE  Deadpool & Wolverine: Kevin Feige contrario al ritorno di Jackman

Questo è solo uno dei parenti che ha deciso di alzare la voce contro quello che per loro è uno spettacolo indegno, visto che alcuni di essi, vengono riempiti di messaggi e telefonate, ogni volta che una nuova puntata viene pubblicata, senza che nessuno li avvisi di questo, lasciando tutto di dominio pubblico. Quando si toccano certe tematiche, bisogna sempre prestare attenzione alle parti coinvolte, visto che le difficoltà delle famiglie, continuano anche a distanza di molto tempo dopo gli avvenimenti.

Alessio Cialli
Eclettico personaggio, ha iniziato la sua carriera videoludica con un Commodore 64. Si consacra nei titoli Platform, Stealth e GDR. Titolo preferito: Alex Kidd in Miracle World "Sega Master System", gioco più vecchio di lui!

Comments are closed.

0 %