fbpx
VideogiochiNews

Dopo Totaku, PlayStation ritenta la strada della action figures: ecco la nuova collezione

PlayStation

In queste ora arriva un inaspettato annuncio dalle parti di PlayStation Studios: come mostrato nel blog ufficiale dell’azienda, sono state presentate delle nuove action figures che rappresentano i protagonisti dei franchise più amati dai giocatori PS5.

Nonostante non sia proprio una giornata rosea per la serie di Horizon, sono ben 3 su 5 le statuine della Shape Collection, questo il nome della release, raffiguranti personaggi della serie di Guerrilla Games.

La statuina più importante per prezzo e complessità è certamente quella di Aloy da Horizon, alta 15,2 cm, è composta da 42 punti di articolazione e 12 accessori diversi, tra cui placche facciali multiple e mani alternative. Il preordine di questa particolare figure è già possibile sul sito ufficiale PlayStation.

Aloy

Le altre 4 sono invece action figures più semplici nella struttura, alte 15 cm e con 24-34 punti di articolazione e 2-4 accessori in base al personaggio. Il preordine di queste avrà il via il 15 luglio. Le statuine in questione rappresentano Aloy e Varl da Horizon, Kratos e Atreus da God of War e Jin Sakai da Ghost of Tsushima. 

LEGGI ANCHE  PAC-MAN Mega Tunnel Battle Chomp Champs, Recensione di un classico in formato multiplayer

God of War

La realizzazione delle figures è stata possibile grazie ad una collaborazione tra PlayStation e l’azienda Spin Master, che per l’occasione ha rilasciato un commento:

“È stato un piacere immenso collaborare con Spin Master per la realizzazione dei personaggi di Aloy e Varl. Si basano sui modelli digitali reali utilizzati per il gioco, e il risultato finale è davvero notevole. I numerosi punti di articolazione sono stati realizzati con cura e anche le texture sono state riprodotte nei minimi dettagli. Un aspetto personalmente importante è stata la possibilità di creare diverse espressioni facciali per Aloy che, insieme ai numerosi punti di articolazione (persino i capelli ne hanno), la rendono un personaggio estremamente snodabile. Inoltre, la tecnica utilizzata per applicare il colore ai volti ci ha permesso di mantenere la somiglianza con i modelli reali, un aspetto molto importante che aumenta il fascino di questi personaggi”.

Sara Pandolfi
Nata e cresciuta videoludicamente sotto il segno della triforza, grande appassionata di videogiochi a 360°, ma con un nostalgico occhio di riguardo alle creazioni della grande N.

    Comments are closed.

    0 %