fbpx
VideogiochiNews

Pokkén Tournament sfiora l’EVO grazie alle donazioni dei fan

Pokkén Tournament è stato un titolo discusso: per molti un vero successo per Nintendo Wii U, per altri un abisso di orrore e desolazione. Questa volta, però i gamer di tutto il globo hanno dimostrato che non conta tanto la critica ad un gioco quanto le ore che questo ti fa divertire: ecco la storia di come un titolo considerato minore, nell’ambito dei picchiaduro, diventa protagonista dell’evento videoludico più importante della sua categoria.

pokken tournamentL‘EVO Championship Series è un evento che si tiene dal lontano 1996, incentrato sulla competizione nei giochi picchiaduro. L’evento è dedicato a molti titoli ed il nono di quest’anno poteva essere votato dai fans, che avevano il diritto infatti a scegliere il gioco nel quale i contendenti si sarebbero dati battaglia.Gli organizzatori hanno ben pensato di far votare i gamer, chiedendo loro una libera offerta che sarebbe stata devoluta in beneficenza, mediante il sito Generosity, i titoli a contendersi la vittoria già prima dello scontro con i pad erano:

  • Ultimate Marvel Vs Capcom 3
  • Skullgirls
  • Pokkén Tournament
  • Windjammers
  • Street Fighter II Turbo
  • Arms
LEGGI ANCHE  EA Sports FC 25 Ultimate Edition, svelata la copertina in attesa di ulteriori novità

Il titolo della grande N ha raccolto ben $15000, una cifra che lo ha portato ad un inaspettato secondo posto per entrare nel torneo, dietro solo al titolo Capcom, Ultimate Marvel Vs Capcom 3. La notizia ha dell’incredibile se si pensa che la differenza di donazioni tra i due era solo di duemila dollari. Questo evento è tuittavia utile alla community del gioco che può dirsi soddisfatta per aver fatto un gesto di generosità immenso.

Tiziano Sbrozzi
Lusso, stile e visione: gli elementi che servono per creare una versione esterna di se. Tiziano crede fortemente che l'abito faccia il monaco, che la persona si definisca non solo dalle azioni ma dalle scelte che compie. Saper scegliere è un'arte fine che va coltivata.

    Comments are closed.

    0 %