fbpx
VideogiochiNews

Mass Effect Andromeda sarà al PS Meeting?

Il PlayStation Meeting 2016 di New York è finalmente alle porte, e Mass Effect Andromeda potrebbe essere uno degli ospiti a sorpresa. Del nuovo lavoro di Bioware non si è saputo più nulla di significativo dall’ormai lontano E3 2016, ma la volontà che il titolo eccella – e risollevi il brand dalle numerose critiche che Mass Effect 3 ha ricevuto dai fan – è tanta nella casa di produzione: è solo di qualche giorno fa la notizia che non è in lavorazione nessuna versione remastered della trilogia originale, proprio per concentrare personale e risorse sul Andromeda. E oggi potremmo forse vedere qualcosa di nuovo.

mass effect andromeda_02

Michael Gamble, producer di Bioware, ha pubblicato ieri un tweet piuttosto criptico, che vi mostriamo qui sotto. Le interpretazioni possibili sono molte ma è chiaro come Gamble voglia creare e aumentare l’aspettativa per stasera. Non sono state rilasciate tuttavia dichiarazioni ufficiali sulla presenza o meno di Mass Effect: Andromeda al PlayStation Meeting, neanche al seguito del tweet di Gamble. Qualunque fosse la volontà dietro alle parole del producer, non resta che aspettare fino a stasera e sperare che sul palco di New York salga anche Bioware, oltre alle nuove console PlayStation 4 Slim PlayStation 4 Neo, e che venga annunciata una data ufficiale di release.

 

LEGGI ANCHE  SCHiM Recensione, ritrovare la strada saltando tra le ombre
Federico "Alexeij" Zunino
Seguace disilluso di mamma Bioware, in un costante odi-et-amo con Bethesda e fanboy di Chris Avellone, nasce, cresce e va a sbattere a braccetto con Pokemon e la FX. Gli anni dei RTS sono lunghi e pieni di gioie, poi recupera American Conquest Serie Oro e rischia l'esaurimento nervoso contro l'IA del gioco. Da quel momento comincia la passione (leggi: ossessione) per gli RPG su ogni piattaforma fino a tornare recentemente su PC, sebbene abbia lacune catastrofiche su alcuni classici che non si può non aver giocato - vero, Final Fantasy? Scrive, legge fumetti da finto intellettuale dopo i traumi dovuti ai manga - ma la Sindrome di Stoccolma è una brutta cosa - e scrive ancora un po'.

    Comments are closed.

    0 %