Cinema e TVRecensione

The Walking Dead 11 – Recensione episodio 21 dell’ultima stagione

Finalmente ci siamo, abbiamo un po’ di contenuti di cui parlare in questa nuova recensione di The Walking Dead 11, episodio numero 21. Dopo questo ne mancheranno appena tre a quello che non sarà solamente il finale di stagione, ma il finale di una serie durata ben 12 anni e 11 stagioni. Il finale di quella che è stata la più anomala delle stagioni, con ben 24 episodi divisi in tre tranche da 8. E mentre se ultimamente le nostre recensioni erano state quasi rassegnate alla povertà di contenuti di molti dei recenti episodi, con questo dobbiamo ricrederci e possiamo guadagnare qualche speranza per il proseguo.

Finalmente la narrazione si sposta all’esterno dei confini del Commonwealth, seppur la trama continui a parlare di questa grande comunità di 50.000 abitanti (che non si sono mai visti). Gli eroi di Alexandria, a parte qualche assente ingiustificato, sono alla ricerca dei loro bambini, che nonostante tentativi sparsi lungo tutto l’ultimo terzo di stagione sono stati comunque prelevati dai soldati del Commonwealth e portati in un luogo sconosciuto. Mentre il gruppo di Negan ed Ezekiel viene diviso (la moglie di Negan viene portata in una località sconosciuta) e poi portato in una sorta di campo dedicato ai lavori forzati a cui vengono assegnati gli esiliati dal Commonwealth, Daryl, Carol, ma anche Gabriel e Connie, si ritrovano tutti insieme sulle tracce di un treno, che ci ricorda l’ormai lontanissima quarta stagione, in cui si rincorreva il mito di Terminus.

the walking dead 11Negan sempre centrale

Connie viene catturata e portata sul treno stesso, che viene però intercettato dal resto del gruppo. Tramite le comunicazioni radio dei soldati del Commonwealth, il gruppo capisce dove sia diretto ed indaga su un fantomatico “Avamposto 22”. Ecco, meglio non spoilerare quale sia questo avamposto, poiché probabilmente unico colpo di scena di questa stagione, ma finalmente si intravede un finale. Tutto ciò che è mancato negli ultimi episodi sembra essersi concentrato in questo. Una direzione. Tutti, o quasi, i personaggi si sono ritrovati insieme ed hanno un obiettivo comune, così come lo avevano in momenti iconici della serie, per esempio quando fuggiti dalla fattoria cercavano la nuova casa che sarebbe diventata la prigione. La conquista dell’Avamposto 22 per il recupero dei loro bambini, ma anche la visita del luogo sconosciuto dove sarebbe finita la moglie di Negan potrebbero essere il finale di serie, che simbolicamente ci può anche stare (ma ne parleremo in seguito quando potremo parlare dell’Avamposto 22).

Riguardo il fantomatico luogo sconosciuto, invece, una guardia del Commonwealth lo definisce come assai sinistro, temuto e ne descrive la presenza di una persona non molto raccomandabile, il cui parere sembra contare davvero. Messa da parte, finalmente, quella figura insulsa di Pamela Milton, che sia questo nuovo personaggio che attendiamo nel luogo misterioso proprio LUI? Stiamo davvero convogliando verso il finale di stagione con un ritorno di Rick Grimes che, tra le altre cose, si incontrerà finalmente con Negan? Lo scopriremo presto, su Disney+ e continueremo a parlarne la settimana prossima con l’uscita dell’episodio 22.

The Walking Dead 11: episodio 21

8.5

Un episodio che mostra finalmente dei contenuti, ma anche una direzione verso il probabile finale di stagione e di serie. Gli ex abitanti di Alexandria sono quasi tutti insieme, hanno finalmente un obiettivo comune e Negan appare più inserito che mai.;s

Claudio Baldacci
Videogiocatore vecchio stampo, purista e rompiscatole. Di quelli cresciuti con Playstation 1, Playstation 2 e Game Boy Color. Amante del cinema e delle serie TV, sempre attento alle nuove uscite e speranzoso che nuovi e interessanti prodotti popolino la nostra vita fino a farci diventare asociali. No, forse questo è meglio di no. Speaker radiofonico di www.radioeverywhere.it dove il mercoledì dalle 18 alle 20 parla di colonne sonore di film, videogiochi e tv e anche giocatore semi-professionista di Texas Hold'em. Basta.

Potrebbe interessarti anche

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in:Cinema e TV